Nello scorso post intitolato Demolizione vs. decostruzione, ho parlato dell’importanza del recupero dei materiali da C&D in un ottica di riduzione delle risorse naturali (materiali vergini da cava) e di quanto sia necessario avviare nuove pratiche di de-costruzione selettiva per massimizzare il recupero di questi materiali. Ho parlato inoltre, dell’importanza che potrebbe avere un approccio metodico preventivo, verso la de-costruzione degli impianti e dei fabbricati, utilizzando lo strumento dell’Audit Pre-decostruzione, come analisi puntuale delle quantità/qualità dei materiali e dei costi associati all’intervento.

Lo scorso gennaio a seguito dell’approvazione del pacchetto sull’Economia Circolare da parte del Parlamento Europeo, anche alcune delle maggiori associazioni di categoria – ANCE, AMPAR – hanno iniziato un lungo cammino verso la circolarità, spingendo i loro associati a pensare circolare e ad intraprendere buone pratiche di decostruzione selettiva che consentano di massimizzare il recupero dei materiali da C&D.

Come già accennato nello scorso post, uno dei problemi più grandi da affrontare per recupero funzionale di questi materiali è la mancanza di un mercato di riferimento e nello stesso tempo, la mancanza della certezza (certificazione) che i materiali recuperati siano riutilizzabili per altre opere edili.

Il problema è importante ma non impossibile da risolvere.

Oggi, come dimostrano i dati sulla raccolta e riciclo dei materiali da C&D, la maggior parte di questi materiali demoliti finisce perso o in discarica, e non mi riferisco solo ai conglomerati cementizi o a mattoni, o a porcellane, mi riferisco anche agli arredi e alle strutture interne, come porte e finestre, sanitari ecc.

Quanti (e quali) di questi materiali è possibile davvero recuperare e magari rivendere ad un mercato dell’usato locale?

Se smontati in modo selettivo e con tecniche efficaci la percentuale di materiali “salvati”, e probabilmente riutilizzabili, è molto alta, come dimostrano esperienze in altri paesi dell’UE e degli Stati Uniti.

In alcuni paesi, non sono infatti rari, i luoghi dove questi materiali, originati da demolizioni di tipo selettivo altamente conservativo, vengono recuperati, ristrutturati e rimessi in vendita.

Le Miniere Urbane Edili, questo il loro nome, hanno dato vita nel corso del tempo ad un forte mercato dell’usato a livello locale, e sviluppato, sempre localmente, un nuovo modello di occupazione, fatto di nuove e vecchie figure professionali, creando difatti un ponte generazionale tra chi aveva esperienze professionali consolidate e persone che invece si avvicinavano da neofiti alle attività di ristrutturazione e conservazione.

Modelli come questi, affiancati all’attività di de-costruzione selettiva, hanno la capacità di creare nuovi mercati circolari fondati sul RECUPERO – RIUSO – RICICLO.

Immagini dal sito: http://urbanore.com – UrbanOre Ecopark di Berkeley, CA

Quali pratiche servono, allora, per innescare il giusto meccanismo che permetta di creare un mercato dell’usato e sviluppare un modello circolare a livello locale?

Si tratta prima di tutto di scelte politiche di crescita. Sviluppare un mercato dell’usato, di materiali da C&D, non è poi così complicato, complice la crisi economica attuale, esiste molta domanda per questi materiali, tuttavia per creare un mercato dell’usato edile che si regga in piedi da solo, è necessario soddisfare queste condizioni:

  1. prediligere sempre la demolizione selettiva degli edifici e degli impianti – questo è il punto di partenza, senza l’abitudine ad attuare questa pratica, le Miniere Urbane Edili (MUE), non potranno mai esistere;
  2. sviluppare metodi di certificazione ad-hoc che siano in grado di rendere sicuro il ri-uso dei materiali recuperati dalle attività di de-costruzione – Oggi mancano sistemi  di controllo e di certificazione integrati, che siano in grado di garantire il ri-uso dei materiali da C&D;
  3. informare dell’esistenza di MUE – informazione che deve essere trasmessa soprattutto a livello professionale ad architetti, design e costruttori;
  4. formare/trovare figure professionali artigiane (restauratori, vetrai, riparatori, ecc..) che possano essere in grado di ridare nuova vita a questi materiali. Il concetto della formazione è molto importante poiché offre l’opportunità di sviluppare concrete politiche di inclusione sociale e di crescita dell’occupazione giovanile, nonché l’opportunità di attingere dall’esperienza maturata da persone anziane, mettendole a disposizione della comunità come Maestri di mestieri.
Immagini dal sito: http://urbanore.com – UrbanOre Ecopark di Berkeley, CA

Ovviamente un analisi più approfondita di questo argomento, porterebbe a trovare nuovi spunti per soddisfare la necessità di creare una MUE, ma penso che attuazione di queste 4 condizioni sia un primo passo necessario.

 

Risorse:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.